The “Journal of Science, Humanities and Arts – JOSHA” has been initiated to create a novel internet platform to access the broad diversity of important discoveries and creativity in the fields of Science, Humanities and Arts. Read more ...

The JOSHA Demetrios Project: - Română

Virgil Ciocîltan

Affiliation: JOSHA

DOI: 10.17160/josha.4.4.342

Languages: Romanian, Moldavian, Moldovan

International Academy of Science, Humanities and Arts, IASHA e.V. Freiburg, Deutschland The JOSHA Demetrios Project With the July 2017 issue, JOSHA is starting the Demetrios Project. We chose Demetrios of Phaleron, a student of Theophrastus and most probably of Aristotle, as the name patron of our project. Demetrios was instrumental in establishing the ancient Library of Alexandria, probably the largest and most significant library of the ancient world covering all aspects of Science, Humanities and the Arts in many different languages. It is our objective to open up JOSHA as a universally accessible, open access library to all languages and countries. JOSHA will focus initially on publishing and provide open-access to textbooks in any field of Science, Humanities and the Arts, to students and readers worldwide. JOSHA will publish textbooks in any language after appropriate peer review by experts in the field knowledgeable of the respective language.


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Quarta Specie [The Be-Bop Language and The Major Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

DOI: 10.17160/josha.4.4.341

Languages: Italian

In questo articolo vengono discusse, in via praticamente esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Quarta Specie. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Maggiore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. In aggiunta, è brevemente trattata la “Tonicizzazione”, ed esaminata la compatibilità tra le frasi in questa sede dedotte e il cosiddetto “Jazz Turnaround”. This article represents a translated and revised version of the paper "The Art of Improvising: the Be-Bop Language and the Major Seventh Chords".


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Prima Specie [The Be-Bop Language and The Dominant Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

DOI: 10.17160/josha.4.4.340

Languages: Italian

In questo articolo vengono discusse, in via esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Dominante. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Maggiore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. This article represents a translated and revised version of the paper "The Art of Improvising: the Be-Bop Language and the Dominant Seventh Chords". In this paper we exclusively discuss the improvisation techniques concerning the Dominant Seventh Chords.


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Seconda Specie [The Be-Bop Language and The Minor Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

DOI: 10.17160/josha.4.4.339

Languages: Italian

In questo articolo vengono discusse, in via praticamente esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Seconda Specie. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Minore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. In aggiunta, è brevemente trattata la cosiddetta “Tonicizzazione”, ed esaminata la compatibilità tra le frasi in questa sede dedotte per gli accordi di settima di seconda specie e gli “Accordi Parenti” di prima e terza specie.


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Prima Specie [The Be-Bop Language and The Dominant Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

Languages: English

In questo articolo vengono discusse, in via esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Dominante. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Maggiore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. This article represents a translated and revised version of the paper "The Art of Improvising: the Be-Bop Language and the Dominant Seventh Chords". In this paper we exclusively discuss the improvisation techniques concerning the Dominant Seventh Chords.


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Seconda Specie [The Be-Bop Language and The Minor Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

Languages: English

In questo articolo vengono discusse, in via praticamente esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Seconda Specie. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Minore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. In aggiunta, è brevemente trattata la cosiddetta “Tonicizzazione”, ed esaminata la compatibilità tra le frasi in questa sede dedotte per gli accordi di settima di seconda specie e gli “Accordi Parenti” di prima e terza specie.


Il Linguaggio Be-Bop e gli Accordi di Settima di Prima Specie [The Be-Bop Language and The Dominant Seventh Chords]

Carmine Cataldo

Affiliation: Independent Researcher, Jazz Pianist and Composer, PhD in Mechanical Engineering, Battipaglia (SA), Italy

Languages: English

In questo articolo vengono discusse, in via esclusiva, le tecniche d’improvvisazione relative agli Accordi di Settima di Dominante. Il lettore, cui di fatto non è richiesto il possesso d’alcun background di carattere jazzistico, è subito portato ad esprimersi, per così dire, adoperando il Linguaggio Be-Bop. Il metodo è semplice e intuitivo. Si parte dalla presentazione d’una “Frase Fondamentale”, costruita sulla Triade Maggiore, dalla quale vengono istantaneamente dedotte ulteriori proposizioni. Le frasi così ottenute vengono successivamente modificate, effettuando semplici “tagli” ovvero aggiungendo nuove “parole”, e tra di loro variamente combinate. [English] This article represents a translated and revised version of the paper "The Art of Improvising: the Be-Bop Language and the Dominant Seventh Chords". In this paper we exclusively discuss the improvisation techniques concerning the Dominant Seventh Chords.


The wise Gardener and the kind tree - in Farsi and English

Neda Moshirian

Affiliation: Nedaye sina

DOI: 10.17160/josha.4.4.335

Languages: English, Persian

The book of the „wise gardener and he kind tree“ reminds children manners of achieving goals and techniques for gaining success in the form of fiction.


Perception Of Colors In Films - The Usage Of Colors In Sin City And Its Effects On Its Recipients

Philipp Reichenbach

Affiliation: Albert-Ludwigs-Universität Freiburg

DOI: 10.17160/josha.4.4.334

Languages: German

The neo-noir film Sin City is an embodiment of the fact that color in films can trigger several effects on their recipients at the same time. Ever since Aristotle, humans have been taking scientific approaches to color theory and color perception. Nowadays, there are numerous models and theories about color, many of which contradict or even exclude each other. According to Susanne Marschall, empirical research confirms that the majority of individuals consider the colors red, green, blue and yellow as the most important basic colors from which all other colors can be derived. These four basic colors are supplemented by black and white. Depending on socialization, cultural background, individual personality and accumulated previous experiences, humans have different preferences and aversions in color perception, and accordingly, their psychological effect is different. In color perception, we always speak of something subjective.


Visit JOSHA at the Frankfurt Book Fair HALL 4.2 Booth A 42

Yaneth Ortiz

Affiliation: JOSHA

DOI: 10.17160/josha.4.4.333

Languages: English

The Journal of Science, Humanities, and Arts is happy to announce that we will take part at the upcoming Frankfurt Book Fair, opening on October 11th, 2017 at the Frankfurt Trade Fair grounds in Frankfurt am Main, Germany. We are very proud of being part of such an important event and share our significant mission with the thousands of visitors that the fair receives every year. We will be showing, for instance, the full features of our software, our current main work, the Demetrios project, and information about the International Academy of Science, Humanities and Arts IAHSA, among others. Come to visit us at stand number 4.2 A 42. We look forward to receiving you at our stand to have interesting interactions, explain you our important work, answer all your questions and get feedback from you that will helps us to improve JOSHA constantly.